Riso rosso fermentato

Il riso rosso fermentato è ottenuto dalla fermentazione del riso per opera di un particolare lievito, chiamato Monascus purpureus o lievito rosso.

 

Questo riso, che rappresenta una componente tradizionale della fitoterapia cinese, è molto conosciuto anche in Occidente per le sue preziose proprietà ipolipidemizzanti.

 

Durante il processo di fermentazione, il Monascus purpureus si arricchisce di un gruppo di sostanze, le monacoline, cui è stata scientificamente attribuita una spiccata attività ipocolesterolemizzante1,2.

 

In particolare, la monacolina K del riso rosso è in grado di inibire un enzima chiave nella biosintesi del colesterolo, da cui ne dipendono i livelli plasmatici. Quindi l'integrazione con riso rosso fermentato aiuta a normalizzare i livelli di colesterolemia totale, colesterolo LDL e trigliceridi1,2.

 

Il riso rosso fermentato concorre alla riduzione del rischio cardiovascolare grazie all'azione anti-aterosclerotica e di altro tipo (effetto antinfiammatorio, vasodilatante e riduttivo sui livelli di lipoproteina A).

 

La fermentazione controllata in laboratorio, inoltre, permette la selezione di ceppi ricchi di monacolina K e di altre sostanze dotate di particolari azioni farmacologiche.

 


(1). Becker DJ et al. Red yeast rice for dyslipidemia in statin-intolerant patients: a randomized trial. Ann. Intern. Med. 2009 Jun 16; 150(12): 830-9.

 

(2). Nieske Zabriskie, ND; Balancing the HDL/ LDL Cholesterol Ratio For Cardiovascular Health Center for Disease Control and Prevention. Division for Heart Disease and Stroke Prevention Cholesterol Fact Sheet.  Available at: http://www.cdc.gov/DHDSP/library/fs_cholesterol.htm. Accessed on 12-10-07.



Perchè integrare?

Nonostante la grande quantità di alimenti oggi disponibili, le carenze nutrizionali e l'accumulo nell'organismo di sostanze chimiche contenute negli alimenti stessi, che causano malnutrizione e malattie, sono uno dei principali problemi della moderna alimentazione.

Gli integratori alimentari consentono di introdurre in maniera selettiva i nutrienti "utili" per ottimizzare al massimo gli effetti dell'alimentazione e migliorare la qualità di vita.