Eschscholzia Californica (Escolzia o Papavero della California)

L'Escolzia è una pianta originaria della California e del Messico che appartiene alla famiglia delle Papaveraceae e la sua componente principale risultano essere gli alcalodi.

La sua azione principale avviene a livello del sistema nervoso centrale ed infatti possiede proprietà ipnoinducenti, sedative ed ansiolitiche che sono state dimostrate in diversi lavori scientifici e in studi clinici(1,2). Una importante qualità di questa pianta è che esercita la sua attività senza causare stordimento al risveglio; inoltre risulta essere più attiva nelle donne rispetto agli uomini.

L'efficacia e la tollerabilità del prodotto è stata dimostrata anche da uno studio clinico condotto in pazienti con disturbi da ansia. In questo caso è stata dimostrata in particolare l'efficacia della combinazione biancospino-escolzia (3).

Tuttavia il meccanismo d'azione che determina i suoi effetti non è ancora stato chiarito. E' stato ipotizzato che l'estratto di Escolzia possa inibire la degradazione enzimatica delle catecolammine e quindi mantenerne alti i livelli, interferendo con le loro vie metaboliche (4). In un altro studio effettuato viene ipotizzato che vi sia un coinvolgimento dei recettori per le benzodiazepine che risulterebbero maggiormente attivati (5).
L'assunzione di Escolzia risulta quindi particolarmente indicata nei casi di insonnia e di ansia.

Bibliografia
1. Baldacci R. Contribution a l'utilisation en medecine de ville d'Eschscholtzia californica. Phytotherapy 1990; 22:31-33.

2. 
Sarris J et al. Herbal medicine for depression, anxiety and insomnia: A review of psychopharmacology and clinical evidence. Eur Neuropsychopharmacol. 2011;21(12):841-60.

3. 
Hanus M et bal. Double-blind, randomised, placebo-controlled study to evaluate the efficacy and safety of a fixed combination containing two plant extracts (Crataegus oxyacantha and Eschscholtzia californica) and magnesium in mild-to-moderate anxiety disorders. Curr Med Res Opin. 2004 Jan;20(1):63-71.

4. 
Kleber E et al. Modulation of key reactions of the catecholamine metabolism by extracts from Eschscholtzia californica and Corydalis cava. Arzneimittelforschung. 1995;45(2):127-31.

5. 
Rolland A et al. Neurophysiological effects of an extract of Eschscholzia californica Cham. (Papaveraceae). Phytother Res. 2001;15(5):377-81.



Perchè integrare?

Nonostante la grande quantità di alimenti oggi disponibili, le carenze nutrizionali e l'accumulo nell'organismo di sostanze chimiche contenute negli alimenti stessi, che causano malnutrizione e malattie, sono uno dei principali problemi della moderna alimentazione.

Gli integratori alimentari consentono di introdurre in maniera selettiva i nutrienti "utili" per ottimizzare al massimo gli effetti dell'alimentazione e migliorare la qualità di vita.