Rame

Il rame è un metallo essenziale per la crescita e lo sviluppo del corpo umano.

È presente in circa 30 enzimi, a loro volta coinvolti in svariate funzioni fisiologiche, ed è contenuto anche in alcune proteine come l'albumina e il fattorie V della coagulazione.

 

Il Rame è presente in molti alimenti come: fegato, molluschi, ostriche, granchi, aragoste, agnello, anatra, maiale, manzo, cioccolato, noci, mandorle, nocciole, semi di girasole, soia, germe di grano, lievito, olio di mais, margarina, funghi e crusca. Una volta introdotto con l'alimentazione viene assorbito nello stomaco e nell'intestino tenue e, grazie al legame con l'albumina, entra nel circolo sanguigno per arrivare al fegato (l'organo con maggior contenuto di rame), dove gli epatociti sintetizzano a loro volta un complesso costituito da rame e celuroplasmina che viene poi secreto per essere distribuito ai vari tessuti.

Le funzioni del rame sono molteplici: è richiesto per la formazione ed il mantenimento della mielina (lo strato protettivo che ricopre i neuroni) 1; è contenuto negli enzimi che sintetizzano i neurotrasmettitori (messaggeri che permettono la trasmissione dei segnali attraverso le cellule nervose)2,3; combatte l'ossidazione cellulare aiutando ad eliminare i radicali liberi (attraverso l'enzima superossido dismutasi); influenza il metabolismo del colesterolo (riduce LDL e aumenta HDL); catalizza la formazione della melanina (sostanza che protegge la pelle dalla luce solare, e previene l'invecchiamento cutaneo) 1; interviene nella produzione di collagene ed elastina (importanti per tendini ed ossa); partecipa ai processi di mineralizzazione ossea e di formazione di nuovi globuli rossi.

Il rame ha inoltre dimostrato di essere coinvolto nella funzionalità del sistema immunitario, ed infatti carenze di rame hanno notevoli ripercussioni su macrofagi e neutrofili.

 

Il rame è essenziale per l'utilizzo della vitamina C e facilita l'assorbimento del ferro1,2.

Quindi la sua somministrazione è consigliata anche in caso di assunzione di ferro.

 

In gravidanza il rame è particolarmente necessario in quanto il feto dipende totalmente dalla madre per il fabbisogno di questo minerale (0,05 mg/die). Il neonato invece lo assume attraverso il latte e, anche se il latte materno ne contiene solo 0,32 mg/litro, questa quantità viene assorbita meglio perché più biodisponibile rispetto al rame presente nel latte artificiale (1-2 mg/litro).

 

(1).  Turnlund JR. Copper. In: Shils ME, Shike M, Ross AC, Caballero B, Cousins RJ, eds. Modern Nutrition in Health and Disease. 10th ed. Philadelphia: Lippincott Williams & Wilkins; 2006:286-299.

 

(2).  Harris ED. Copper. In: O'Dell BL, Sunde RA, eds. Handbook of nutritionally essential minerals. New York: Marcel Dekker, Inc; 1997:231-273.

 

(3). Food and Nutrition Board, Institute of Medicine. Copper. Dietary reference intakes for vitamin A, vitamin K, boron, chromium, copper, iodine, iron, manganese, molybdenum, nickel, silicon, vanadium, and zinc. Washington, D.C.: National Academy Press; 2001:224-257.


Perchè integrare?

Nonostante la grande quantità di alimenti oggi disponibili, le carenze nutrizionali e l'accumulo nell'organismo di sostanze chimiche contenute negli alimenti stessi, che causano malnutrizione e malattie, sono uno dei principali problemi della moderna alimentazione.

Gli integratori alimentari consentono di introdurre in maniera selettiva i nutrienti "utili" per ottimizzare al massimo gli effetti dell'alimentazione e migliorare la qualità di vita.